AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità

Il Comune di Trecastagni

Il Comune di Trecastagni
Trecastagni

  • Abitanti: 8.182
  • Fax: 095 7020004
  • Telefono Municipio: 095 7020011
  • Internet: www.comune.trecastagni.ct.it
  • Superficie: 18.96 kmq
  • Altezza s.l.m.: 586 m
  • Distanza: 12 km da Catania
Seol Logo

Posizione:
sulle pendici meridionali dell'Etna.

Cenni storici:
L'origine di Trecastagni è tra le più antiche dei paesi etnei.
Alcuni storici la fanno risalire ai tre accampamenti romani che sorgevano nel luogo (Trium Castrorum); altri la collegano con riferimento ai martiri Alfio, Delfio e Cirino "tre casti agnelli" (tre anime pure) che nel 253 d.C. si sarebbero fermati nel paese nel corso del loro viaggio verso Lentini; una antica interpretazione, di origine popolare, ne fa risalire il nome a tre alberi di castagno che i fratelli martiri avrebbero piantato.
Nel 1302, quando in Sicilia imperversò il potere angioino, tutti gli abitanti della Val di Demone lo riconobbero, sottomettendosi alla nuova egemonia, tranne gli abitanti di Trecastagni, Francavilla, Castiglione di Sicilia e di altri paesi vicini.
I trecastagnesi, ribellandosi, formarono un piccolo esercito, e alleandosi con gli abitanti dei luoghi limitrofi, affrontarono e batterono i francesi.
Fino al 1640 il territorio di Trecastagni fu amministrato dal Senato di Catania, per passare poi, nel 1649, ai don Giovanni. Nel XVIII secolo il paese venne quindi ceduto agli Alliata.
Nei moti rivoluzionari del 1837 i trecastagnesi furono i più attivi tra tutti i cittadini dei paesi etnei a partecipare all'insurrezione.
Un notevole contributo fu dato dai trecastagnesi alla causa dell'Unità d'Italia, come testimoniato nelle pubblicazioni dell'epoca.

Economia:
Prodotti agricoli: castagne, cereali, uva, olive, vino
Industrie ed Imprese: cantine sociali, industrie per la trasformazione dei prodotti agricoli, segherie, cave di pietra lavica
Artigianato: lavori in legno, costruzione di souvenirs tipici siciliani in legno ed in pietra lavica

Beni monumentali:
Il Santuario dei Santi Alfio, Delfio e Cirino: il Santuario venne costruito nel 1593 e viene considerato oggi uno tra gli edifici più importanti del '500 siciliano.
All'interno conserva un calice d'argento del '600 e le suggestive statue dorate dei tre martiri.
Il Santuario è legato al culto dei tre martiri da cui prende il nome.
La Chiesa Madre: tra i monumenti più importanti troviamo la Chiesa Madre, dedicata a San Nicola di Bari.
É la più antica chiesa tra quelle dei paesi etnei. Risale al XV secolo e nel 1743 divenne collegiata. La sua struttura tipicamente basilicale, a tre navate con absidi (una centrale e due laterali), decorate con stucchi settecenteschi e un affresco di P.P.Vasta.
Altri monumenti: la Chiesa della Madonna dell'Aiuto, la Chiesa dei Bianchi, il Convento dei frati Francescani, la Chiesa di Santa Caterina, la Chiesa di Sant'Antonio da Padova.

Trecastagni oggi:
Oggi Trecastagni è una cittadina tranquilla.
Vi sono vasti boschi di castagni, querce e pini, che vengono intensamente sfruttati. Buone risorse sono la pastorizia e il commercio, particolarmente attivo in estate, grazie al movimento turistico. Vi operano piccole industrie.

Biblioteche e Musei:
Biblioteca comunale

Ricorrenze:
9-10 maggio: festeggiamenti in onore dei Santi Alfio, Delfio e Cirino, protettori di Trecastagni.
Agosto: mostra internazionale di pittura

PNRR - Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza

 
 
 
 
 

Progetto Catania a Colori

 
 
 
 
 

ADOZIONE
Decreto del Commissario Straordinario n. 285 del 28/12/2022

Piano Urbano della Mobilità Sostenibile
Piano Urbano della Mobilità Sostenibile

Consultazione degli atti


» Adozione PUMS


Piano Generale del Traffico Urbano dei Comuni della Città Metropolitana di Catania
Piano Generale del Traffico Urbano
dei Comuni della
Città Metropolitana di Catania

Piano Spostamenti Casa Lavoro
Piano Spostamenti Casa Lavoro