AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità

Il Comune di Sant'Alfio

Il Comune di Sant'Alfio
Sant'Alfio

  • Abitanti: 1.674
  • Fax: 095 968022
  • Telefono Municipio: 095 968017
  • Internet: www.comune.sant-alfio.ct-egov.it
  • Superficie: 23.62 kmq
  • Altezza s.l.m.: 531 m
  • Distanza: 30 km da Catania
Seol Logo

Posizione:
sul versante orientale dell'Etna, allo sbocco settentrionale della valle del bove.

Cenni storici:
Ha conservato nel tempo la sua antica struttura urbanistica, fatta di grappoli di case arroccate sui fianchi della montagna.
Nel '600 Sant'Alfio rappresentò una delle sette "torri" (quartieri) del comune di Mascali. Solo nel 1923 divenne comune autonomo, staccandosi da Giarre, di cui era stato frazione dal 1815.
L'origine del nome è legato alla tradizione religiosa.
Tre fratelli, Alfio, Delfio e Cirino, di nobile famiglia di Prefetta (città spagnola), furono, nel 253 d.C.,deportati in Sicilia per essere qui martirizzati.
Durante il loro viaggio verso Lentini, attraversando il luogo dove oggi sorge Sant'Alfio avvenne il cosiddetto "miracolo della trave": un improvviso vento si scatenò violento al loro passaggio, scagliando via la trave che portavano sulle spalle.
Il primo nome dato al paese fu Sant'Arfiu a Vara. I primi abitanti del luogo costruirono la Chiesa Madre ed introdussero il culto dei tre Santi. Risale agli inizi del Settecento l'edificazione del primo nucleo urbano, nel luogo dove oggi sorge la Chiesa Madre.
Ciò avvenne grazie alla concessione di terre, dette dei "parrini" (preti), appartenenti alla chiesa di Viagrande.
L'ordinamento del nucleo urbano di Sant'Alfio venne affrontato pensando al giro dei tre Santi, la processione in onore di Alfio, Delfio e Cirino, e tante strade furono costruite appositamente. Soltanto verso la fine del '700 il paese acquistò una più definita conformazione topografica.
Nell'Ottocento due furono i fatti che contribuirono allo sviluppo di Sant'Alfio: il distaccamento di Giarre da Mascali (1815) e la concessione (a censo annuo) di una parte del feudo della Cerrita a beneficio dei contadini santalfiesi.

Economia:
Prodotti agricoli: agrumi, uva, castagne, nocciole, mandorle, noci.
Allevamenti: equini, caprini.
Industrie ed Imprese: piccole industrie per la trasformazione dei prodotti agricoli, segherie.

Beni monumentali:
La Chiesa Madre: risalente al 1600 rappresenta il monumento più interessante.
Dal 1811, essendo stata elevata a Chiesa sacramentale dall'arcivescovo di Messina Monsignor Carrasi, cominciò a tenere i registri per l'amministrazione dei sacramenti, considerati oggi autentiche fonti della vita della borgata. In seguito fu elaborato un nuovo schema per costruire una chiesa più grande nel posto dell'antica, ma la nuova chiesa apparve formare la continuazione dell'antica.
La facciata è realizzata in pietra lavica.
Il castagno dei cento cavalli: la sua età si aggira tra i 3600 ed i 4000 anni ed è considerato oggi uno degli alberi più vecchi del mondo. Racconta la leggenda che la sua circonferenza, di 60 metri, riparò da una improvvisa pioggia la regina Giovanna I d'Angiò col suo seguito di cento cavalieri.
Altri monumenti: la Chiesa del Calvario, eretta su una collina a fianco del paese (nel 1885) e la Chiesa di Nucifora, chiamata così per via della devozione alla Madonna di Tindari di alcune persone del quartiere Nucifora, che la edificarono senza aiuti ne sussidi.

Biblioteche e Musei:
Biblioteca comunale.

Ricorrenze:
Maggio (prima domenica): festeggiamenti in onore di Sant'Alfio, patrono del paese.

PNRR - Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza

 
 
 
 
 

Progetto Catania a Colori

 
 
 
 
 

ADOZIONE
Decreto del Commissario Straordinario n. 285 del 28/12/2022

Piano Urbano della Mobilità Sostenibile
Piano Urbano della Mobilità Sostenibile

Consultazione degli atti


» Adozione PUMS


Piano Generale del Traffico Urbano dei Comuni della Città Metropolitana di Catania
Piano Generale del Traffico Urbano
dei Comuni della
Città Metropolitana di Catania

Piano Spostamenti Casa Lavoro
Piano Spostamenti Casa Lavoro