AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità

Il Comune di Ragalna

Il Comune di Ragalna
Ragalna

  • Abitanti: 3.016
  • Fax: 095 849248
  • Telefono Municipio: 095 7985111
  • Internet: www.comune.ragalna.ct-egov.it
  • Superficie: 39.23 kmq
  • Altezza s.l.m.: 830 m
  • Distanza: 21 km da Catania

 

Seol Logo Progetto Etn@online

Posizione:
nel versante sud-orientale dell'Etna.

Cenni storici:
Numerose sono le interpretazioni che vengono date al suo nome; la più attendibile attribuisce il nome ai vocaboli "reg" e "aléna", termini di origine araba o tardo latina, tradotti con "pietra" e "vento leggero". Antichi scritti citano infatti Ragalna come una "località in zona pietrosa dove soffia un vento leggero".
Le prime testimonianza sull'origine di Ragalna risalgono all'epoca normanna.
In un documento del 1136 si rileva una antica denominazione del paese, Rachalena, riferita alla donazione delle terre fatta dal genero del conte Ruggero I al monastero di San Nicola in Pannacchio per averne sposata la figlia Flandrina.
La storia del piccolo borgo è comunque legata ai monasteri della limitrofa Paternò, per la quale i ragalnesi svolgevano lavori campestri.
Dal 1400 il destino di Ragalna fu legato a quello di Paternò diventando proprietà della famiglia Moncada. Nel 1780 il borgo venne minacciato da una eruzione dell'Etna.
Si racconta che nella notte del 18 maggio di quell'anno, dopo alcune scosse di terremoto, una lingua di fuoco iniziò a farsi strada lungo le pendici dell'Etna, distruggendo i vigneti di di contrada Milia e minacciando sempre più il centro abitato; Otto giorni più tardi i fedeli portarono in processione le reliquie di Santa Barbara, patrona di Paternò, e la lava si arrestò.
Durante la seconda guerra mondiale Ragalna fu rifugio per molti paternesi sfuggiti ai bombardamenti; in quel periodo, per altro, Ragalna custodì le reliquie di Santa Barbara. La cittadina è stata frazione di Paternò fino al 1985, anno in cui divenne comune autonomo.

Economia:
Prodotti agricoli: agrumi, vino, uva, olive, olio.
Allevamenti: ovini, caprini, bovini.
Industrie ed Imprese: cantine sociali, aziende per la trasformazione dei prodotti agricoli e zootecnici.

Beni monumentali:
Il monumento più importante di Ragalna è la Chiesa di Maria Santissima del Carmelo, edificata nel XIX secolo. Priva di uno stile architettonico ben definito ha una baroccheggiante facciata semplice, una scalinata in pietra lavica ed un campanile in stile gotico.
L'interno è rettangolare ad unica navata; l'altare maggiore è intarsiato in marmo policromo e fu costruito per devozione dell'avvocato Antonio Battaglia nel 1868.
Altri notevoli monumenti di Ragalna sono la Chiesa di Santa Barbara, la Chiesa di San Giovanni Bosco, la Chiesa della Madonna delle Nevi, il Tempietto di Santa Rita e gli antichi palmenti.

PNRR - Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza

 
 
 
 
 

Progetto Catania a Colori

 
 
 
 
 

ADOZIONE
Decreto del Commissario Straordinario n. 285 del 28/12/2022

Piano Urbano della Mobilità Sostenibile
Piano Urbano della Mobilità Sostenibile

Consultazione degli atti


» Adozione PUMS


Piano Generale del Traffico Urbano dei Comuni della Città Metropolitana di Catania
Piano Generale del Traffico Urbano
dei Comuni della
Città Metropolitana di Catania

Piano Spostamenti Casa Lavoro
Piano Spostamenti Casa Lavoro